Pedagogica


Vai ai contenuti

Menu principale:


La tua maestra è meglio che cambi mestiere...

a cura di.... > articoli del curatore

La tua maestra è meglio che cambi mestiere....... (2007)

Ci sono genitori che, squalificano il lavoro degli insegnanti dei propri figli. Per squalifica non intendo il parlare di fronte ai figli - comunque in modo sempre rispettoso ma non ossequioso e magari un poco scherzoso - dei difetti caratteriali o di presunte
in-competenze e a-competenze professionali dei docenti. Anche i genitori hanno difetti di carattere e mancanze "professionali" che influenzano la formazione dei figli.
Mi riferisco alle situazioni dove un bambino che manifesta disagio, poca serenità, "disturbi del comportamento", etc. all'interno della classe può, ad esempio, compromettere l'andamento dell'attività didattica. Prima di pensare e comunicare che sia il bambino il solo portatore del problema, dovremmo pensare che il problema è anzitutto nostro e comunicarlo come tale alla famiglia per ricevere collaborazione.

Questo atteggiamento è ben diverso dal dire, magari in un andito, come di frequente capita: "Signora, suo figlio ha un problema". In questi casi ai genitori è opportuno comunicare il solo comportamento senza ulteriori aggiunte interpretative non necessarie in questo momento. E' proprio in queste delicate situazioni che si possono osservare le inadeguatezze tra la scuola e la famiglia. In alcuni casi il genitore rifiuta di vedere le difficoltà del bambino e qundi di intervenire. Altre volte gli insegnanti effettuano "la diagnosi" non di loro competenza e cosa più grave le comunicano alla famiglia che, da quel momento, entra in rotta di collisione con la scuola.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Su Pedagogica: Corso on line (e-learning)
aggiornamento professionale - 20h
La progettazione educativa
Cosa è e come si scrive un progetto educativo?

Il campo delle relazioni educative è delicato: emergono gli aspetti profondi della persona, la sua personalità, aspetti legati soprattutto alla praticità dell'esistenza ed al proprio "essere umani". Per questo bisogna trattare certe situazioni con i guanti di velluto.
Genitori e insegnanti, soprattutto nei momenti di difficoltà educativa dovrebbero allearsi non ostacolarsi a vicenda; perchè l'accordo, il dialogo, il rispetto, la franchezza, la solidarietà tra scuola e famiglia sono aspetti necessari per garantire una buona qualità educativa e formativa. E se questa non c'è bisogna adoperarsi per costruirla. E sempre per il bene dei bambini.

Infine, non è vero che la responsabilità educativa è solo della famiglia come spesso si crede o si proclama. Sostenere ciò significa appesantire ulteriormente una già difficile situazione di grave disorientamento educativo, e non solo familiare. La responsabilità, sul piano pedagogico, è sempre di tutti: famiglia, istituzioni, comunità.

Ed è evidente a chiunque, con uno sguardo alla realtà educativa e sociale, prossima e rappresentata/costruita dai mass media, che ciò non venga riconosciuto e tradotto in prassi politiche, sociali e scolastiche visibili e concrete.

anziano senescenza vecchiaia pedagogia istituto per anziani comunità educatori educatrici educatore educatrice attivita didattiche educative programmazione esperienze descrizione pedagogiche progetto progetti


PEDAGOGICA Studio di Progettazione e Consulenza - P. IVA 02172200921. Copyright 2001-2010 ove non diversamente specificato. DISCLAIMER - CONTATTI

Torna ai contenuti | Torna al menu