Pedagogica


Vai ai contenuti

Menu principale:


Sul dialogo

a cura di.... > articoli del curatore


Sul Dialogo.
(2008)

Perché la Scuola in Italia cambi c'è bisogno di maggiori
relazioni dialogiche. In ogni direzione: al suo interno (curricoli e aspetti pedagogico/educativi, organizzativi, ....), con le famiglie (per ricostruire una trama pedagogica spesso confusa, ....), con il territorio (per dare, alle azioni didattico/educative, un senso, una direzione di cambiamento verso il futuro, ....).

Il dialogo è fondamentale per una Scuola ed una Società che vogliono ancora credere nella democrazia, nel rispetto delle libertà e dei diritti individuali di ciascun essere umano.

E' necessario un dialogo aperto, schietto, disponibile, corretto, rigoroso, orientato verso possibili orizzonti di cambiamento e che, grazie alla sua pratica, renda possibile intravvedere/inventare e costruire insieme.

Dialogo non è semplice parlare, conversare. Nella
relazione dialogica c'è dell'altro.


Alcuni significati di dialogo.
Dialogo è una parola ricorrente nel lessico pedagogico. E riveste peraltro particolare importanza in quanto la sua pratica viene implementata soprattutto all'interno di una
relazione educativa o in una relazione che parla della relazione educativa.

E' uno tra gli
strumenti più efficaci e indispensabili che accompagnano il genitore, l'educatore, l'insegnante, l'operatore sociale nel loro lavoro. Quando c'è dialogo c'è collaborazione e quando c'è collaborazione vi è cambiamento, dinamicità, movimento.

Il termine
dialogo deriva dal greco (dià, "attraverso" e logos, "discorso") e indica, comunemente, il confronto sul piano verbale tra due o più persone. In realtà il suo significato è più ampio e non solo circoscritto al dominio del linguaggio verbale.

Il termine
Logos, che noi traduciamo con discorso o ragionamento, in realtà, contiene anche la consapevolezza del fatto di essere in relazione con la verità e la totalità (quali?), ed io aggiungo, con la complessità.

Con il dialogo - a differenza ad esempio del
colloquio clinico o di un setting consulenziale - si irrompe, necessariamente, in una dimensione reciprocamente più intima, di ricerca, di scoperta dell'altro e di noi stessi; dove l'educatore (così come il genitore) è costretto un poco ad aprirsi, a mettere in gioco la sua esperienzialità, la sua natura umana, seppur mediate dalla formazione e dall'esperienza (non solo professionale).

Ma se tutti parlano di dialogo, nella scuola ed in generale nelle agenzie educative, non tutti si preoccupano delle
effettive responsabilità che la sua pratica comporta; responsabilità che costringono ad agire, sia con veri e propri atti autoriflessivi, verso l'altro e la realtà circostante.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Su Pedagogica: Corso on line (e-learning)
aggiornamento professionale - 20h
La progettazione educativa
Cosa è e come si scrive un progetto educativo?

Dialogare implica un sentimento di reciproco rispetto.
E chi lavora in campo educativo non dovrebbe meravigliarsi di ciò. Il rispetto verso l'altro è uno dei presupposti per poter sperimentare/costruire quella
"simpatia?", "amore?" ,di cui parla P. Bertolini, così importante all'interno di una relazione educativa genuina.

Grazie al dialogo si apprende, si insegna, si impara, anche ad ascoltare, si collabora, etc.

In campo educativo, così come in altri campi umani, della scienza, non esistono verità assolute ma diversi modi di leggere, interpretare ed orientare gli scenari. Per questo è necessario il dialogo: per armonizzare queste differenti visioni - espresse generalmente all'interno del dominio del linguaggio - in un quadro chiaro e il più possibile condiviso.

Nessuno ha in tasca la verità delle cose ed è da questo assunto che, probabilmente, può partire un dialogo in senso genuino proprio come dovrebbe essere in una relazione educativa.

Il
Logos è anche il nostro ambiente (non solo in senso naturalistico), il rapporto tra noi stessi, chi e ciò che ci circonda; ambiente nel quale, in realtà, siamo immersi e ne siamo parti integranti: con tutto ciò che, sul piano della responsabilità, quantomeno pedagogica, ne consegue.

Questi credo siano alcuni spunti riflessivi per comprendere sempre meglio come praticare l'arte del dialogo, quale in fondo esso è.

Come fare in pratica: riscoprendo il piacere della ricerca educativa nella scuola, lavorando insieme per il raggiungimento, anche nel qui ed ora, di obiettivi chiari, condivisi e valutabili.

anziano senescenza vecchiaia pedagogia istituto per anziani comunità educatori educatrici educatore educatrice attivita didattiche educative programmazione esperienze descrizione pedagogiche progetto progetti


PEDAGOGICA Studio di Progettazione e Consulenza - P. IVA 02172200921. Copyright 2001-2010 ove non diversamente specificato. DISCLAIMER - CONTATTI

Torna ai contenuti | Torna al menu