Pedagogica


Vai ai contenuti

Menu principale:


Sono papÓ da otto mesi e ho una relazione extraconiugale. Che fare?

domande e risposte > Domande genitori

Harley - 26 maggio 2008

Domanda: Sono papÓ da otto mesi e ho una relazione extraconiugale. Che fare?

Da pi¨ di un anno ho intrapreso una relazione extra-coniugale.
Durante questo periodo mia moglie ha scoperto di essere incinta e adesso sono padre di un bambino di quasi 8 mesi. Ho deciso di stare vicino a mia moglie per renderle pi¨ serena la gravidanza e aiutarla nella crescita del piccolo.
Ora lei ha scoperto della mia relazione, e dall'altro lato la mia "compagna" vorrebbe che prendessi una decisione.
Sono molto legato alla nuova compagna e non vorrei perderla, ma ho remore a lasciare la mia famiglia perchŔ ho paura che questo possa creare disagio a mio figlio e che lui possa crescere sentendo meno la figura paterna....
Qualcuno mi dice che un bambino soffre di pi¨ in una convivenza "forzata" che non in una separazione serena, e che i "danni"potrebbero essere minori adesso che non in seguito.
Io sono stato abituato per˛ a concepire la famiglia in maniera tradizionale, e vorrei che la mia compagna mi desse il tempo necessario perchŔ mio figlio cresca ancora un po'. Non so cosa fare.
Potete dirmi qualcosa in merito e magari indicarmi qualche consultorio al quale mi possa rivolgere nell'area triveneta? Grazie anticipatamente

Risposta

Gent.le Harley,

Ŕ arrivato il momento in cui (lei ma non solo lei) deve fare una scelta pensando al suo progetto di vita, anche come genitore. Il prima possibile e qualunque essa sia. A meno che tra adulti non riusciate a trovare una soluzione alternativa libera e consapevole.
Le rispondo pensando al suo bambino e a lei come genitore.
Se una coppia si separa non significa che le responsabilitÓ (educative, morali, civili, economiche, etc.) di entrambi ed il piacere e la gioia di essere genitori, vengano meno. Genitori, in realtÓ, lo si sarÓ per tutta la vita, nel bene e nel male.
Le soluzioni per stare vicino ad un figlio, per "esserci", sono tante; e quando suo figlio crescerÓ saprÓ valutare se ci˛ Ŕ avvenuto o meno (che lei decida o meno di stare con sua moglie) e saprÓ, eventualmente, anche comprendere.
Questo Ŕ quanto, in questa sede, mi sento di dirle. So che non Ŕ tanto ma in coscienza non mi sento di andare oltre. Ogni persona ha una storia a sŔ con molteplici sfaccettature.
Se ritiene di aver bisogno di un aiuto per la sua scelta pu˛ certamente rivolgersi ad un consultorio familiare pubblico. Ma il Triveneto Ŕ grande. Nell'elenco telefonico o su internet troverÓ certamente i recapiti del consultorio pi¨ vicino alla sua zona di residenza. Le ricordo che i consultori familiari sono servizi erogati dal Servizio Sanitario Nazionale (AUSL).


27 maggio 2008

Su Pedagogica: Corso on line (e-learning)
aggiornamento professionale - 20h
La progettazione educativa
Cosa Ŕ e come si scrive un progetto educativo?


Vuoi ricevere una consulenza pedagogica on line gratuita, anonima e in tempo reale? Vai alla pagina




Menu di sezione:


PEDAGOGICA Studio di Progettazione e Consulenza - P. IVA 02172200921. Copyright 2001-2018 ove non diversamente specificato. DISCLAIMER - CONTATTI

Torna ai contenuti | Torna al menu